home

Image

Image

The Italian
Artisan

Image

Dicembre 2017. È una mattina fredda e umida, perfettamente in linea con il clima stagionale di questa parte del globo. Siamo in Italia, e dalla romantica Verona, sede di Gentry Home, ci stiamo dirigendo verso il distretto specializzato nella produzione di mobili in legno, la Bassa Veronese. Qui si trova il laboratorio di uno dei più rinomati maestri ebanisti della zona, è lui che da molti anni realizza i mobili da bagno firmati Gentry Home.

Ci accompagna la signora Mariella, titolare dell'azienda, che coglierà l'occasione per verificare come sempre di persona il procedere delle lavorazioni. Oltre ai mobili in consegna ci sono anche i prototipi in via di sviluppo per il Salone del Mobile.

How our bathroom furniture is born

Gentry Home
↑ Verona, la sede dell'azienda.
↓ Bovolone, Andrea B. con Mariella Bighelli nel laboratorio di falegnameria
Gentry Home

Dopo una quarantina di chilometri, quasi tutti nella nebbia, eccoci qua da Andrea. Il maestro ebanista ci accoglie senza convenevoli, con il piglio di chi è abituato a far parlare direttamente i risultati del proprio lavoro. Ecco uno dei prototipi: ci sono da mettere a punto alcuni dettagli e poi, ci siamo. Niente foto, però, il nuovo modello al momento è top-secret.

"Siamo qui anche per un reportage", gli ricorda la signora Mariella, "facciamo delle foto delle lavorazioni, dovresti mettere un po' in ordine, lì, dietro". L'ordine è presto fatto e per le foto, "fate quello che volete" dice Andrea, rimettendosi al lavoro senza scomporsi minimamente per le foto in corso. Ed eccolo alle prese con Chester, tra i mobili più storici e amati di Gentry Home.

Chester: la levigatura manuale dell'anta. Anche l'incisione è eseguita a mano.
La maestria è creare un solco regolare e continuo.
Dettaglio della struttura con incastri a coda di rondine
Charlotte: finiture e ritocchi prima del posizionamento delle maniglie.
Posizionamento maniglie

“È solo con una lavorazione manuale che possiamo personalizzare i nostri mobili e non solo nel colore ma già dalla struttura, a partire dalle misure. ”

Grace: la lavorazione cannettata è la sua caratteristica più spiccata. Le "cannette" si realizzano una a una, carta vetrata alla mano.
Prove di installazione del lavabo.

La lavorazione artigianale è qualcosa di magico, ed è coinvolgente vederla in diretta. Mi verrebbe voglia di provare, con la pialla e lo scalpello a mettere mano a quel legno, ma poi chissà cosa ne uscirebbe…

Il Maestro continua a lavorare e penso che queste forme sono già bellissime, così, anche non-finite. E forse il valore di qualcosa fatto a mano è proprio l'energia che si sente, trasmessa alle linee dalla lavorazione manuale. Ne parlo con Mariella che aggiunge un punto di vista un po' più pratico: "È solo con una lavorazione manuale che possiamo personalizzare i nostri mobili e non solo nel colore ma già dalla struttura, a partire dalle misure".